Omeolink - Home

 

Centro Studi Medicina Omeopatica Salerno

Le cicatrici dell'anima
Cosa accade quando un trauma fisico colpisce l’organismo? La questione si chiude con la guarigione del “pezzo” colpito, o c’è dell’altro? Cosa rimane nell’unità psicobiologica dell’essere a testimonianza dell’evento traumatico?

L’essere umano ha una costituzione multidimensionale, vale a dire che non possiede solo una dimensione fisico-chimica (come il pensiero medico dominante crede), ma anche una dimensione emozionale, mentale, animica.
Parliamo di un’unità integrata, interconnessa, coerente e complessa. Parliamo insomma della vita.
Ora il tema che trattiamo in questa occasione è ciò che accade quando una lesione fisica interferisce con questa unità multidimensionale.

Andrea è in sala operatoria. È stato trasportato d’urgenza, la sua appendicite acuta rischia di diventare peritonite. C’è il dolore, ma anche la paura, una grande paura per la propria incolumità. Tutto il suo essere sente che è in gioco la sopravvivenza. Il clima intorno a lui è teso, drammatico, concitato. Viene velocemente anestetizzato, ma l’anestesia addormenta solo la parte cosciente di Andrea, non la consapevolezza profonda dell’organismo, che resta sempre viva e vigile, anche nel sonno. L’intervento viene eseguito con successo, si era arrivati appena in tempo, il pericolo è scongiurato. Questo salvataggio d’emergenza ha però un prezzo, l’interruzione dell’integrità corporea. Si è dovuto giocoforza incidere una struttura vitale estremamente complessa, fatta di tessuti cutanei, fasce muscolari, fibre nervose, vasi sanguigni, pareti viscerali. Il taglio ha spezzato la meravigliosa rete di comunicazione che unisce ogni cellula e ogni organo del corpo di Andrea.
Ora c’è un varco, una falla nella struttura, che va riempita d’urgenza e a tutti i costi. Il corpo non può ricostruire la tessitura originaria della zona del taglio, allora organizza una “toppa”, il tessuto cicatriziale appunto. Questo non è un tessuto funzionale come gli altri, ma è solo una grossolana “pezza” per turare la falla, ha solo una funzione cementante, ed altro non le si può chiedere. Il tessuto cicatriziale non è un tessuto ordinato, ma un ammasso caotico di cellule connettivali e collagene, che alla meglio cerca di riparare la lesione. Ma sappiamo che nessun rammendo è mai uguale alla stoffa originale...

Questo ha delle conseguenza non solo estetiche (che tralasciamo in questa sede), ma specialmente funzionali. Il comportamento di una cicatrice è differente da quello del tessuto circostante. Tanto per cominciare, già a livello della membrana cellulare le caratteristiche bioelettriche sono diverse: ogni cellula possiede una carica elettrica, o per meglio dire una differenza di carica fra l’esterno e l’interno della membrana, misurabile in circa 80 milliVolts. Le cellule traumatizzate e quelle cicatriziali hanno una polarità insufficiente, o instabile o addirittura invertita, quindi sono vive ma funzionano male, e la loro condizione di “fibrillazione” elettrica disturba il funzionamento delle cellule sane. Le fibre nervose nella zona della cicatrice possono entrare in una condizione di irritazione cronica, o perdere sensibilità, o divenire sensibili ai cambiamenti elettromagnetici (tipico il fastidio, come molti sanno, durante i “cambi di tempo”).
Questo dal punto di vista strettamente biologico. Ma torniamo al nostro amico Andrea, nello scenario operatorio. Ricordiamoci dello stato di paura e allarme, sia in lui che intorno a lui. Il taglio del bisturi in quel momento fa sì che quel preciso stato emozionale, con quella configurazione energetica così potente, si registri nel corpo insieme alla lesione fisica, proprio nella zona del trauma. Si crea una memoria dell’evento, una fotografia multidimensionale, fisica, emozionale, mentale, paragonabile ad un ologramma. La situazione è così precipitosa e grave che non vi è né modo né tempo per elaborarla emotivamente e intellettualmente: la priorità è la sopravvivenza. Così tutto quel marasma emozionale si legherà nel punto focale del trauma, quello che nel tempo diventerà la cicatrice. Quindi abbiamo ora una memoria, un vero e proprio file archiviato nel tessuto vivente. È, come già detto, una memoria olografica, multidimensionale:


Tutti questi elementi formano un mix che è la rappresentazione di come Andrea ha vissuto quell’esperienza. Ora l’importante è questo: la memoria psico-fisico-emozionale resta registrata localmente, ma per il principio olografico coinvolge l’interezza dell’organismo. E non viene più percepita a livello cosciente. Andrea ricorderà sì quell’evento come un momentaccio della sua vita, ma non si renderà conto di come tutto il non elaborato di quel momento influenzi la consapevolezza profonda del suo essere esattamente come fosse ora. È un blocco di dolore congelato, incistato, che non giunge alla coscienza critica, come fosse sempre sotto il pelo dell’acqua. Ma non senza conseguenze: l’azione di disturbo su tutti i livelli dell’essere è continua e sottile. È un’informazione patologica e patogena, e come tale potrà dare luogo ad ogni sorta di manifestazione sui vari piani dell’essere. Andrea potrebbe infatti cominciare a soffrire di qualche dolore cronico, una cefalea o una lombalgia, ad esempio. O potrebbe avvertire disturbi intestinali di vario genere. Sul piano emozionale, potrebbe cominciare a mostrare una leggera ansietà, o percepire un senso di calo energetico generale, o un senso di insicurezza verso la vita (ricordiamoci dell’elemento paura racchiuso in quella zona), con atteggiamenti vitali di evitamento/fuga, o di aggressività. O al contrario, potrebbe anche svilupparsi una anestesia emotiva, un blocco del sentire, e quindi piattezza emozionale, con viso inespressivo e blocco dell’affettività.
Dal punto di vista mentale poi, può accadere che il cervello di Andrea cominci ad elaborare delle strategie di difesa, che si traducono in convinzioni a supporto e giustificazione della nuova condizione, di tipo autolimitante: “detesto questo”, “non posso quell’altro”, “devo per forza questo”, “è pericoloso fare quest’altro”, ecc. Queste convinzioni orienteranno le sue scelte future, condizionando e limitando il suo percorso di vita.

Ora, dal punto di vista del pensiero medico dominante, Andrea “non ha nulla”. La cicatrice si è chiusa perfettamente, non si riscontrano segni oggettivi di qualche patologia, le analisi stanno a posto, insomma non si riesce a dare un nome alla condizione di Andrea. Quindi non ha un bel nulla. Punto.
Eppure la sua qualità di vita è cambiata. Vi sono modificazioni profonde e sottili. La sua capacità di elaborare stimoli e informazioni dall’ambiente è ora diminuita e distorta. Il funzionamento dei suoi organi, pur senza sfociare ancora in una lesione organica, è alterato: qualcosa è più di quello che deve essere, qualcos’altro meno. Quelli che hanno la possibilità di percepire il campo energetico umano, di solito vedono (o per meglio dire sentono) nella zona della cicatrice come una mancanza energetica, o come un buco o un’area scura, o una distorsione. È l’energia congelata, che blocca il flusso normale delle correnti energetiche dell’essere umano.

Il processo non è cosciente: Andrea non si rende conto delle risorse che investe per proteggere il proprio “tesoro” di dolore. Paradossalmente, è proprio l’instaurarsi di atteggiamenti protettivi e difensivi a dare origine col tempo a disturbi. Inizia così a prendere consistenza una catena di effetti che forse col tempo porteranno finalmente a qualche malattia “vera”. Non tutte le cicatrici però comportano guai del genere: nella maggioranza dei casi si raggiunge infatti un compenso fisiologico, ed è solo quando l’organismo non riesce a far fronte al trauma che nasce il problema.

E l’anima, in tutto questo?
Essa ha bisogno di uno strumento fisico/emozionale/cognitivo per realizzare i suoi scopi nell’esistenza. Se quello strumento comincia ad autolimitarsi e a perdere energia vitale, anche l’espressione animica subisce limitazioni ed opacità. Diventa più difficile aprirsi a comprensioni più elevate e manifestarle nella vita, come pure accedere alla percezione della bellezza e della gioia. Gran parte delle energie vitali sono costantemente impegnate a tenere a bada quel “sacchetto” di dolore, e ciò distoglie energie e risorse da altri compiti più elevati. La connessione con la Fonte diventa più debole, discontinua, perché il nostro amico Andrea si ripiega su se stesso per proteggere la propria ferita, e nel ripiegamento c’è chiusura e non apertura.
Alla fin fine è l’energia creativa a soffrirne, ostacolata nella sua manifestazione. Ecco perché parlo di cicatrici dell’anima.

E allora, cosa fare? Come risanare questo “buco nero” vitale?
Vi sono tanti modi, ognuno con le sue peculiarità; cito quelli che conosco:

  1. Neuralterapia. Si infiltra la cicatrice con una soluzione di fisiologica e procaina, un farmaco ad azione ripolarizzante sulla membrana cellulare.
  2. Laserterapia. Un fascio di fotoni infrarossi viene “spennellato” sulla cicatrice.
  3. Attivazione Tissutale®. La zona viene trattata con l’apparecchiatura per la CRM Terapia®, reinformando il Sistema Nervoso della situazione anomala locale.
  4. Fiori di Bach. L’essenza Walnut viene frizionata sul tessuto cicatriziale.
  5. Massaggio connettivale. Si esercitano delle trazioni meccaniche sui tessuti.
  6. Metodi energetici. Correzione della distorsione del campo aurico mediante il flusso di energia guaritrice delle mani.


Come vedete, ce n’è per tutti i gusti. Ora supponiamo che Andrea decida di affrontare questo problema e scelga uno qualunque dei metodi sopra elencati Cosa possiamo aspettarci? Ebbene, la cosa più probabile è che Andrea, durante il trattamento, riviva in parte o completamente l’evento traumatico connesso alla cicatrice. Potrebbero affiorare semplicemente dei ricordi (l’odore della sala operatoria, le voci di quel momento, immagini, ecc.). Come pure possono emergere le sensazioni emotive provate in quella situazione, oppure i pensieri e le convinzioni che si sono strutturati allora. È una breve fase, che può presentarsi in varie gradazioni, e che indica la rielaborazione in atto dell’evento traumatico. Il trattamento non fa altro che aprire quell’incistamento energetico ed esporlo alle capacità guaritrici dell’organismo, il quale oggi è in grado di fare quello che allora non gli era possibile. Avviene quindi un’integrazione di quella energia bloccata nella totalità energetica dell’organismo, che ora è libero di espandersi. All’inizio questo risultato non è stabile: occorrerà qualche altra seduta distanziata nel tempo per resettare completamente la cicatrice e concludere il processo di integrazione. La cicatrice resta sempre lì, ma smette di interferire sul resto dell’organismo. Un altro fenomeno comune è questo: se la cicatrice è legata ad un dolore o disfunzione fisica, questa letteralmente scompare nel momento stesso del trattamento. Ad esempio, potrebbe istantaneamente sparire quella lombalgia o quel dolore al ginocchio. Piccoli miracoli in apparenza, che però la comprensione delle dinamiche energetiche dell’organismo svela come fenomeni del tutto ordinari.
Pur lavorando sul piano fisico e su un’area molto delimitata del corpo, con il tempo anche l’assetto psico-emotivo cambia, nella direzione di una maggiore apertura, fluidità e flessibilità, segni certi questi di un cambiamento positivo della globalità della persona.

Dott. Michele Acanfora
Medico Chirurgo

Presidente del Centro Studi MEDICINA OMEOPATICA
via S. Giovanni Bosco 15 - SALERNO
tel. 089.79.36.24

www.omeolink.it

 

È consentito copiare e diffondere questo testo per scopi non commerciali, a patto di citarne la fonte, secondo le norme Creative Commons.
Licenza Creative CommonsQuest' opera del Centro Studi Medicina Omeopatica è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.

Importante
Le informazioni e le idee contenute in questo sito costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo sulle scelte diagnostiche e terapeutiche disponibili, e non vogliono in alcun modo sostituirsi né alla prescrizione medica né alla consultazione medica, sempre raccomandabile nel caso di patologia in atto.